BeautyFashionLifestylePersonal ShopperShopping tips

La moda va in bianco

Durante la Fashion Week milanese dal 25 al 27 febbraio la città meneghina ha espresso il suo spirito più innovatore all’Esposizione Internazionale del White.

During Milan Fashion Week, February 25 to 27, the city of Milan has expressed his most innovative spirit at the International Exhibition of White.

.

.

In questi giorni si è parlato di stile e tendenze per il prossimo inverno ma anche di nuove scommesse per il futuro. A Milano durante la Fashion Week è andato in scena il White, una vetrina internazionale di proposte realizzate da Griffe già affermate e da giovani talenti che sono riusciti a captare la curiosità di diversi buyer e giornalisti di moda. Interessante iniziativa per nuove leve che hanno voglia di mettersi in gioco scommettendo sul proprio futuro. L’evento ha avuto sede in via Tortona e si è arricchito di appuntamenti colllaterali in luoghi storici e di notevole profilo culturale. Un’importante occasione questa che ha movimentato la città, già al centro dell’attenzione per via delle passerelle milanesi. Il binomio arte e moda si palesa nella collezione di Lavina Turra, stilista e artista che plasma i sui  abiti come fossero opere d’arte. 

These days we talked about style and trends for next winter, but also about new bets for the future. In Milan during the Fashion Week the White went on stage, an international showcase of proposals made ​​by Griffe-established and young talent who managed to capture the curiosity of many buyers and fashion journalists. Interesting initiative for new recruits who want to get into the game by betting on their future. The event took place in Via Tortona, and was enriched with collateral appointments made in places of great historical and cultural profile. This important occasion has handled the city, already the focus of attention because of the Milan catwalks. The combination of art and fashion shows itself in the collection of Lavinia Turra, designer and artist who shapes on the clothes as if they were works of art.

.

Collezione Celeste Isotta

.

Collezione Celeste Isotta

.

Collezione Celeste Isotta

.

.

Collezione IN ABITI DIVERSI

.

Collezione IN ABITI DIVERSI

Designers Lavinia Turra, RossellaZanotti

Poeta Gabriele Via

Calligrafa Barbara Calzolari

.

Essenziale risulta la collaborazione con Sara dell’Onze, artista performer, che infonde alle proposte un’impronta del tutto originale. La collezione dal nome Celeste Isotta si avvale di un approccio contemporaneo e sperimentale; i suoi pezzi essenziali e dal taglio asciutto riportano i segni incisivi del lapis che risaltano sul bianco luminoso dei capi. I disegni realizzati da Sara Dell’Onze sono opere uniche da indossare. I materiali fluidi, come la georgette di seta, si alternano alla lana grossa e ai capi imbottiti. Stampe geometriche e jacquard ton sur ton si possono ammirare sui capispalla e sugli abiti raffinati.  Decori come trafori arricchiscono alcune proposte. I colori predominanti del nero bianco e rosso donano forza ed essenzialità al mood della collezione e si accostano alle cromie più naturali della terra.Alla sensibilità per le arti figurative si aggiungono i riferimenti alla poesia. Celeste Isotta è anche il titolo della poesia che Gabriele Via ha scritto pensando alla collezione. L’opera poetica risulta essere l’anima del progetto e non un contorno, nasce per poi mutare in segno. A volte un vestito può essere come un viaggio e portare lontano.  Just in Case è un marchio di moda di origine belga venduto in diversi paesi. Le designer Vicky Vinck e Katrien Strijbol di Anversa, creano collezioni sofisticate per donne dalla personalità decisa.

Essential is the collaboration with Sara dell’Onze, artist performer, who gives the impression totally original proposals. The collection named Celeste Isotta uses a contemporary and experimental approach; its essential and bald cutting  parts show signs of the pencil which stand out against the bright white of the dresses. Drawings made by Sara Dell’Onze are unique to wear. The fluid materials such as silk georgette, alternate with thick woolen and upholstery dresses. Geometric prints and jacquard ton sur ton can be seen on fine coats and clothes. Decorations such as openworks enrich some proposals. The predominant colors of black red and white give strength and simplicity to the mood of the collection and are combined with more natural colors of the earth. To the sensitivity of the visual arts are added references to poetry. Celeste Isotta is also the title of the poem Gabriele Via wrote thinking about the collection. The poem appears to be the soul of the project and not an outline, and then comes to change in sign. Sometimes a dress can be like a trip and bring you very far. Just in Case is a Belgian-born fashion brand sold in different countries. The designers Vicky Vinck and Katrien Strijbol of Antwerp, create sophisticated collections for women with strong personality.

.

.

.

.

.

.

 

.

Le proposte evidenziano un’attenta cura per le stampe e i dettagli. Come vere e proprie tele gli abiti vengono dipinti di campiture cromatiche che si giustappongono ad altri colori per un effetto degno delle meravigliose creazioni di Rothko. Sulle gonne sono impressi paesaggi nordici o fantasie geometriche. Alcuni vestiti propongono sul collo, mediante cucitura, la forma di un colletto. Particolari romantici per uno stile retrò. Le lunghezze al ginocchio, i coat dal taglio pulito, le plissettature e i patterns anni ‘70 rendono la collezione un mix di epoche diverse accostate armoniosamente. Sensibilità cromatica ed estrema ricercatezza rendono Just in Case uno stile immediatamente riconoscibile. Per la pelletteria si distinguono le creazioni di  ZStudio Lab, inizialmente laboratorio artigianale di maglieria, oggi un progetto che ama interfacciarsi con il mondo dell’arte, dell’artiginalità e della ricerca.

The proposals show a careful attention to the prints and details. Like real canvas, clothes are painted with color fields that are juxtaposed with other colors for an effect worthy of the wonderful creations of Rothko. Nordic landscapes are printed on skirts or geometric patterns. Some clothes propose on the neck, by sewing, the shape of a collar. Details for a romantic retro style. The knee-length, the clean-cut coats, the pleats and patterns of the’70s make the collection a  mix of different eras side by side in harmony. Chromatic sensitivity and extreme sophistication make Just in Case an immediately recognizable style. For the leather creations stand Z Studio, initially knitting workshop, now a project that like interface with the world of art, handcraft and research.

.

 

.

.

.

Nelle sale settecentesche di Palazzo Lattanzi di Fossombrone vengono create borse di estrema eleganza e unicità per via di materiali preziosi come l’anguilla. Questa viene sottoposta ad un particolare trattamento che dà origine ad una plissettatura irregolare chiamata ‘marea’; la superficie increspata del materiale  rende unico il prodotto finale. Le borse assumono nomi tratti dei protagonisti delle novelle di Shakespeare per sottolineare l’affinità con le opere d’arte. La doctor bag Amleto regala la possibilità di apprezzare la sua particolarità per essere di giorno una handbag e di sera una cluth. Una meravigliosa metamorfosi per differenti momenti della giornata. A impreziosire maggiormente l’accessorio concorrono i dettagli: catena e manico dorati, realizzati esclusivamente da maestri orafi toscani, ed etichetta in seta bianca e fili oro tessuta su vecchi telai di inizio Novecento. Disegno essenziale per la pochette dal nome Viola che richiama la protagonista shakespeariana de ‘La dodicesima notte’, la chiusura triangolare ne ricorda l’iniziale. La palette di colori delicati come il cognac e il ghiaccio si alterna alle cromie decise del testa dimoro e del nero. Interessante la variante dal sapore seventy che presenta l’accostamento dei diversi colori. Per chi ama l’animalier le borse sono realizzate anche in cavallino rasato stampa leopard. Il design ama sposare materiali diversi per un viaggio sensoriale che parte dal tatto per arrivare alla vista. ZStudio Lab rappresenta un raffinato esempio di artiginalità italiana.

In the eighteenth century rooms of Palazzo Lattanzi Fossombrone bags are created by extreme elegance and unique materials such as precious anguilla. This is submitted to a special treatment that gives rise to an irregular pleating calledtide’, and the rippling surface of the material makes it uniquef inal product. The bags take names from the protagonist sof the novels of Shakespeare to emphasize the similarities with the works of art. The doctor bagHam let gives the opportunity to appreciate its speciality to bean hand bag for the day and cluth for the evening. wonderful metamorphosis for different times of day. Details contribute to make the accessory more precious: gold chain and handle, made ​​exclusively by master gold smiths in Tuscany, and labeled in white silk and gold threads woven on old looms of the early twentieth century. Basic design for the pouch named Viola that recalls the protagonist of Shakespeare’sTwelfth Night’, the triangular closurerememberthe initial. The palette of soft colors such as cognac and ice alternates with the bold colors of the head dwell and black. Interesting flavor seventy variant hat has the matching of different colors. For those who love the animalier,bags are made by shaved pony skin with leopard print. The design loves to marry different materials for a sensory journey that starts from the touch to get the view. StudioZis a fine example of Italian crafts manship.

Meravigliose le creazioni in argento dell’aretino Riccardo Goti. I suoi gioielli possiedono l’allure e la preziosità di un oggetto medievale reinterpretato in chiave contemporanea. Con grande attenzione ai dettagli lo stilista mixa argento e ottone fusi alla pelle e ai tessuti d’antan. 

Wonderful are the creationsin silver presented by the AretinRiccardoGoti. Hisjewelshavetheallureand thepreciousnessof a medieval objectreinterpretedin a contemporary key.Withgreat attentionto detail, the designer mixessilverand brassfusedto the skin andtissuesof yesteryear.

.

 

.

.

.

Una moderna Teodolinda indossa collane pendenti a frange con lavorazioni ad uncinetto. Motivi a catena e a maglia sottile uniti ai tessuti evidenziano l’abilità creativa del designer italiano. Il cavaliere longobardo opta per bracciali o anelli che possono essere plasmati e assumere la forma desiderata, fasciano le dita o i polsi candidandosi a moderne armature. Il passato incontra il futuro negli anelli chevalier in metallo anticato. Le inclusioni simboliche di un tempo si trasformano in feticci di un nuovo ordine ornamentale. Goti rappresenta uno stile unico nel suo genere ed incredibilmente affascinante. Il più importante momento di visibilità e business della stagione ha posto il White come un’immancabile occasione di crescita per il settore della moda. Esposizioni che appartengono ad una forma culturale contemporanea che esaltano le capacità del sapere e del fare.

modern Teodolinda wearing necklaces with pendants fringed crochet work. Chain and knitted arrow fabrics together to high light the creative ability of the Italian designer. The Lombard knight opts for bracelets or rings that can be molded and assume the desired shape, wrap your fingers or wrists standing as a modern armor. The past meets the future in the chevalier antiqued metal rings. Symbolic inclusions of a time become fetishes of a new decorative order. Gothic style is unique and incredibly charming. The most important moment of visibility and business of the season has put the White as an inevitable growth opportunity for the fashion industry. Exposures belonging to a contemporary cultural form that enhance the capacity of knowing and doing

.

 

http://www.whiteshow.it/

#PAINTMYSHOPPING

Un pensiero su “La moda va in bianco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.